Scienziate afroamericane tra diritti civili e competizione spaziale: Hidden Figures

Il-diritto-di-contare

di Elisabbetta Vezzosi (Università di Trieste)

Una delle scene più significative del film di Theodore Melfi  Il diritto di contare (Hidden Figures, 2016), è quella in cui Al Harrison, responsabile (cinematografico) dello Space Task Group della National Aeronautics and Space Administration (NASA), distrugge il cartello “colored ladies room”. Un forte segno antidiscriminatorio all’interno dell’agenzia governativa responsabile del programma spaziale e della ricerca aerospaziale degli Stati Uniti, dove ancora nei primi anni Sessanta la segregazione era una realtà.

Jackie e la costruzione del mito di JFK

jackie-1

Di Angela Santese (Università di Bologna)

Jackie, il film del regista cileno Pablo Larraín, racconta i giorni immediatamente successivi alla morte del Presidente John Fitzgerald Kennedy attraverso la prospettiva di sua moglie, Jacqueline Lee Bouvier, interpretata da Natalie Portman. Una settimana dopo l’assassinio del trentacinquesimo Presidente degli Stati Uniti, l’ex first-lady incontra il giornalista Theodore H. White, nella casa della famiglia Kennedy a Hyannis Port, in Massachusetts. L’intervista concessa al reporter di Life costituisce la cornice narrativa di un film che non ha una struttura cronologica lineare, ma vede l’utilizzo di flashback che portano lo spettatore a vivere le vicende intercorse tra l’atterraggio dell’Air Force One a Dallas il 22 novembre del 1963 e i solenni funerali di JFK celebrati tre giorni dopo a Washington, DC.

Global Inequality. A New Approach to the Age of Globalisation. Recensione di Carlo Spagnolo e replica dell’autore

51AIpM-Gx6L._SX329_BO1,204,203,200_

Branko Milanovic, Global Inequality. A New Approach to the Age of Globalisation, Cambridge Mass., Harvard U.P., 2016, 299 pp. , s.i.p.

Recensione di Carlo Spagnolo (To read the English version click here)

Quali sono gli effetti socio-economici della globalizzazione? Da una domanda in apparenza lineare scaturisce una risposta complessa e ricca di spunti per la storiografia dell’età contemporanea.  Il maggior contributo di Milanovic alla conoscenza delle dinamiche storiche della globalizzazione è forse nella metodologia adottata: un’analisi statistica della distribuzione dei redditi e dei patrimoni aggregrati per grandi aree (Occidente industrializzato, paesi emergenti, paesi poveri), dagli anni Ottanta a oggi, che suggerisce il superamento dello Stato come unità di analisi economica e l’assunzione del mondo come unità di analisi differenziata. Rompendo sia con l’approccio micro, orientato alle motivazioni comuni ai singoli agenti, imprese o imprenditori, sia con approcci macro e keynesiani, elaborati attorno ai valori medi dei redditi e della produzione nei singoli stati, l’A. si interroga sulle “dissimilarities“, sulle diseguaglianze e sulle diverse forze sociali che muovono la globalizzazione.

Big History and the Future of Humanity: recensione di Mauro Moretti

41KxcBCBSgL._SX331_BO1,204,203,200_

Fred Spier, Big History and the Future of Humanity, Chichester, Wiley Blackwell, 2015, p. 336.

Recensione di Mauro Moretti

«L’universo si sta dilatando…a che scopo fare i compiti?». Così, in Annie Hall (1977), di Woody Allen, il protagonista Alvy Singer, in un flash-back che lo mostra bambino, si rivolge al medico dal quale la madre, preoccupata dal suo comportamento, lo aveva accompagnato. La battuta mi è venuta in mente varie volte, leggendo il libro di Spier sulla Big History (BH), così segnato da scarti sconcertanti e da acrobatiche semplificazioni; libro che suscita reazioni controverse, di fastidio e di interesse allo stesso tempo. Intendiamoci: la BH non è una stravaganza, e non può essere liquidata con delle facezie.

In ricordo di Marilyn Young

BMJ104SG1_MarilynYoungOnly_r

Di: Mario Del Pero (CHSP)

Marilyn B. Young è morta il 19 febbraio scorso nella sua casa di New York. Ad aprile avrebbe compiuto 80 anni e solo a settembre aveva deciso di smettere d’insegnare al dipartimento di Storia della New York University, dove lavorava dal 1980. Marilyn si era dottorata a Harvard, nel 1963, sotto la guida di Ernest May e John Fairbank. La sua tesi, che poi divenne il suo primo libro (The Rhetoric of Empire: American China Policy, 1895-1901, Harvard University Press, 1968), ebbe per oggetto l’ascesa imperiale degli Stati Uniti di fine Ottocento: quel peculiare imperialismo della “porta aperta” sul quale una nuova generazione di studiosi e studiose, dei quali Marilyn fu esponente e capofila, si stava concentrando.

La scomparsa di Anna Rossi-Doria I1938-2017): una storica dell’età contemporanea

4014a (1)

Di Mariuccia Salvati, (Università di Bologna)

Anna Rossi-Doria si è spenta a Roma il 14 febbraio scorso (era nata a Roma il 22 marzo del 1938) ed è stata ricordata due giorni dopo alla Casa internazionale delle donne (sede anche della Società italiana delle Storiche) con una bella e affollatissima cerimonia in cui si sono susseguiti ricordi e testimonianze di una vita intensa di studiosa, storica e femminista.

Denial: una lezione sul negazionismo

Denial_(2016_film)

Di Enrico Palumbo.

Il recente film La verità negata (titolo originale Denial, 2016), del regista britannico Mick Jackson, ripropone il tema sempre attuale del negazionismo della Shoah[1]. Nonostante la scarsa diffusione nelle sale cinematografiche italiane – a cui si spera che, conformemente ai suoi doveri di servizio pubblico, possa porre rimedio la Rai con un’adeguata programmazione televisiva –, la pellicola può avere un certo interesse anche al di fuori del ristretto mondo degli specialisti.

In ricordo di Paolo Prodi: un articolo per Ricerche di Storia Politica

Ricerche di Storia Politica vuole ricordare Paolo Prodi ripubblicando un suo articolo uscito nel n. 2/2003 della rivista, dal titolo La sovranità divisa: uno sguardo storico sulla genesi dello “jus publicum europaeum”. L’articolo è introdotto da una nota di Paolo Pombeni e da un profilo biografico di Riccardo Brizzi.

BS9F30_3928487F1_14457_20130928192023_HE10_20130929-kOxB-U43230831732825FXE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

La presidenza Obama: un bilancio dei suoi otto anni fra luci ed ombre

obama

Giornata di studi organizzata dal Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali – Università di Bologna e il CISPEA su: “La presidenza Obama: un bilancio dei suoi otto anni fra luci ed ombre”

Introduzione ai lavori: Raffaella Baritono.

Relatori: Mario Del Pero (Sciences Po-Paris), Federico Romero (IUE-Firenze), Arnaldo Testi (Università di Pisa), Stefano Luconi (Università di Padova), Ferdinando Fasce (Università di Genova), Daniele Fiorentino (Università di Roma Tre).

Discussants: Elisabetta Vezzosi (Università di Trieste), John Harper (Johns Hopkins University), Sergio Fabbrini (Luiss Roma), Marco Mariano (Università del Piemonte orientale), Duccio Basosi (Unviersità di Venezia), Cristina Iuli (Università del Piemonte orientale).

Fidel Castro, l’ultimo Re Cattolico

fidel-castro

Di Loris Zanatta (Università di Bologna)

Con Fidel Castro se ne va l’ultimo Re Cattolico. Ha vissuto tanto, ancor più ha parlato. Oltre a viverla, la sua vita l’ha narrata; ha voluto plasmare sia la storia sia la memoria: in comizi a reti unificate, adunate di piazza, libri e interviste. Ripetitivo e ossessivo, amava la manipolazione. Conosceva la massima di Goebbels: una bugia ripetuta, diventerà realtà. Giurò sempre che a Cuba non si torturava, non c’era più razzismo, non si addestravano guerriglie. E così via. Tutto falso, ma i devoti gli credevano e gli credono. I devoti, per l’appunto, la fede: Fidel Castro passerà alla storia come uno dei grandi leader carismatici prodotti dal XX secolo, epoca di transizione dal mondo religioso al mondo secolare.